Risparmio energetico: sai veramente cosa significa? Ti aiutiamo noi!

21 ottobre 2020

Nelle società moderne, soprattutto in quelle occidentali, l’energia viene considerata un bene sempre disponibile, alla portata di tutti e con un basso potere d’acquisto.

Questi sono i principali motivi per cui le aziende non sono incentivate a ridurre gli sprechi: ogni giorno, infatti, nei diversi settori dell’economia, c’è una quantità ingente di energia dispersa.

Lo spreco comprende anche le singole persone che, in uno stato di benessere e di miglioramento della qualità della vita, richiedono l’aumento costante di energia nelle sue diverse forme.

L’energia, infatti, nella mente della popolazione, è posizionata come una risorsa inesauribile, non considerando gli effetti che ricadono sull’ambiente se si attua un consumo irresponsabile.

A tal proposito sarebbero necessarie maggiori iniziative di sensibilizzazione ed educazione per un uso cosciente e intelligente di questa risorsa.

I comportamenti diligenti porteranno a un duplice risultato: da una parte un abbassamento di costi visibili nella bolletta, e dall’altro un percepibile e tangibile miglioramento dell’ambiente.

 

COSA SI INTENDE PER RISPARMIO ENERGETICO?

Con il termine “risparmio energetico” si indicano tutti i processi che portano a ridurre i consumi di energia quindi, in concreto, il risparmio di petrolio, metano, combustibili solidi e materiali fossili.

Negli ultimi anni, un uso irresponsabile di queste risorse ha avuto un impatto devastante sull’ ambiente: desertificazione di aree prima abitate che diventano inabitabili e progressivamente abbandonate, assottigliamento consistente dello strato di ozono, il maggiore responsabile della protezione dell’uomo dai raggi ultravioletti, problemi respiratori e cardiaci negli esseri umani e animali che sono la principale causa di morte precoce.

Questi sono alcune delle tante conseguenze legate dell’abuso sconsiderato dell’ambiente in cui viviamo. Per ovviare a tali effetti è necessario che tutti, nel mondo, si impegnino ad attuare efficientamento energetico attraverso:

  • interventi di riqualificazione energetica attraverso la sostituzione di macchinari già presenti nelle aziende;

  • conversione di energia da una forma ad un'altra;

  • monitoraggio dei consumi attraverso tecniche di machine Learning e intelligenza artificiale, attraverso il quale si raccolgono i dati dagli impianti già esistenti in azienda e si elaborano, al fine di ottenere informazioni per ottenere un risparmio energetico.

Anche nel 2019 il risparmio energetico è stato uno dei temi prioritari: è stato riproposto il bonus riqualificazione energetica, che consente ai contribuenti di beneficiare di uno sconto IRPEF (imposta sul reddito delle persone fisiche) sulle spese ottenute per chi effettua interventi di efficienza energetica, con una detrazione pari al 65%.

L’obiettivo di questa iniziativa è di spingere le aziende a non sprecare energia, ma cercare di adottare misure ecofriendly che possano preservare l’ambiente per le generazioni future.

Un uso ragionato e coscienzioso del territorio e delle risorse attraverso il risparmio energetico aiuterà noi e le generazioni future a vivere in un mondo migliore.